L'illusione di Mesmer

l libro propone una critica serrata al personaggio e all’opera di Franz Anton Mesmer, da più parti considerato un precursore della psicoterapia. La critica, appoggiata su documenti autentici, in gran parte scaricabili da internet, ricostruisce la vita di Mesmer e il suo tentativo di affermare le tesi e la prassi definite come “magnetismo animale”. I quattordici capitoli sono strutturati in modo da presentare i momenti salienti della vita di Mesmer, soprattutto del periodo parigino tra il 1778 e il 1785, corredati da ampie citazioni tratte dai suoi libri e dagli scritti di contemporanei favorevoli e contrari al suo metodo. Al termine di ogni capitolo, una Riflessione riassume i significati e i nessi che rendono attinente anche ai giorni nostri la vicenda di Mesmer. L’obiettivo è quello di fornire a tutti coloro che si interessano di psicoterapia, ma anche ai fruitori della medesima, ovvero i pazienti, una chiave di lettura per riconoscere le radici del processo terapeutico nel quale sono implicati. Il fine è quello di evidenziare l’estraneità della modalità carismatica e mistificante dal terreno professionale autentico della relazione psicologica ai fini di cura. Sulla scia del racconto asciutto e sintetico della vita di Mesmer, emergono le caratteristiche strutturali di quello che risulta essere il primo tentativo di intrusione dell’antica mentalità magica e mistica nel nascente contesto di affermazione della scienza così come la conosciamo al momento attuale. Se per le altre discipline, come la medicina, non c’è più lo stesso rischio di confusione che si determina nei fatti narrati dal libro, sembra che per la psicoterapia permanga ancora il pericolo di commistione tra vecchi paradigmi ancora condizionati da una mentalità pre-scientifica o pseudoscientifica e il più recente modello operativo della relazione terapeutica ispirata alle conoscenze giustificate da evidenze scientifiche. La lezione di Mesmer e della sua traiettoria sfavillante può quindi rappresentare un termine di paragone per riconoscere anche nel presente quegli aspetti della psicoterapia ancora incrostati dalla mentalità magica e pseudoscientifica. La chiave di volta della personalità carismatica, la quale prende il sopravvento tutte le volte che le basi scientifiche di un metodo sono attraversate da vaghezza e inconsistenza, servirà al lettore per confrontarsi con esperienze passate e recenti, permettendogli di recuperare una visione più corretta possibile di questi fenomeni. A tale scopo, soprattutto la Appendice II, offre al lettore gli strumenti per accostarsi nel modo giusto al concetto di carisma in psicoterapia. Le riflessioni su Mesmer rappresentano a tutti gli effetti una innovativa e quanto mai completa disamina, mai realizzata prima, delle opere e del contributo di questo personaggio, in grado di confrontarsi e competere con tutte le precedenti valutazioni storiche più volte citate nel libro. L’accuratezza e l’abbondanza delle citazioni tratte da Mesmer e dalla sua epoca (vedi anche la cronobiografia della Appendice I) fanno di questo libro un contributo storico d’eccezione, il quale potrebbe essere apprezzato anche in altri paesi, soprattutto in Francia, nel Regno Unito, in Germania e negli USA, nei quali la figura di Mesmer ha sempre destato interesse e un certo fascino accattivante, condizionato dalle chiavi di lettura entusiaste e dal racconto di fatti mai seriamente documentati, a differenza della quantità di citazioni delle quali ampiamente questo libro è fornito. Questa ed altre caratteristiche del libro ne fanno un classico del suo genere e una lettura indispensabile per gli addetti ai lavori e le persone che sono interessate alla psicoterapia.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.