Articoli

Mente e Cura N. 1/2011     

www.irppiscuolapsicoterapia.it                                                    

Riassunto – Un approccio empatico al sogno consente di superare l’annosa questione del doppio binario tra contenuto manifesto e contenuto latente, collegata alla teoria delle pulsioni di Freud. L’unico elemento latente da scoprire è il Pensiero Inconscio del sognatore, espresso con la drammatizzazione del sogno e tre parametri fondamentali: Piano Narrativo, Espressione Estetica, Componente Affettiva. In tal modo, il sogno si dimostra materiale espressivo della personalità e della relativa organizzazione, nonché processo indispensabile per la mentalizzazione e la coesione del sé.

Mente e Cura n. 2/2011

Riassunto: La depersonalizzazione, argomento cardine della psicopatologia, viene presentato innanzitutto come fenomeno clinico, poi esposto analizzando gli studi principali condotti secondo l’approccio psicodinamico e l’approccio psicobiologico. Infine, con l’esposizione dell’approccio psicodinamico integrato, si propone una sintesi metodologico-clinica che offre una possibilità di intervento volto al recupero dell’integrazione mente-corpo.

Mente e Cura n. 0/2009

Riassunto: L’autore presenta una proposta formativa e metodologica: la psicoterapia psicodinamica integrata. Con questo metodo si eliminano le vecchie contrapposizioni tra indirizzo biologico e psicologico per convergere su una unica visione che supera il dualismo cartesiano. Ciò significa che gli psicoterapeuti devono anteporre a qualsiasi griglia metapsicologica, l’acquisizione precisa e circostanziata di dati, perchè questo permette di evidenziare lo sviluppo dell’unità psicofisica dell’essere umano e, poi, determina il binario sul quale impostare una teoria dello sviluppo psicofisico umano, giustificata da evidenze. Con le scoperte e l’applicazione delle neuroscienze, negli ultimi anni, non c’è più spazio per i "guru della psicoterapia", cioè, psicoterapeuti e psichiatri  che approfittano della parzialità dei dati neuroscientifici e della rigida separazione dei campi di ricerca rispettivamente biologico e psicologico e si propongono a un pubblico ignaro e sprovveduto e, con una conoscenza autoreferenziale, impongono il loro carisma.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.